Skip to main content

Il sistema del credito: banche, finanziarie e recupero crediti

Molte persone si chiedono perché le banche smettano di erogare credito a chi si trova in difficoltà economiche, mentre le società finanziarie sembrino invece più inclini a offrirlo, al punto da pubblicizzare i loro servizi. La risposta risiede nelle politiche di rischio e nei modelli di business diversi tra le banche e le finanziarie. Le banche, tradizionalmente, adottano criteri di valutazione del credito più stringenti, basati sulla storia creditizia del cliente, i suoi redditi e la sua capacità di rimborsare il debito. Al contrario, le finanziarie si rivolgono spesso a un segmento di mercato considerato più rischioso, calcolando che le tariffe e gli interessi più elevati possano compensare il rischio maggiore. Questa strategia comporta però una riflessione importante: cosa ci guadagnano? La risposta è semplice: profitti maggiori, ottenuti attraverso tassi di interesse significativamente più alti e spese aggiuntive che possono non essere immediatamente evidenti, celando così possibili costi nascosti.

Scopri se sei sovraindebitato

Strategie di recupero crediti e la pressione sui sovraindebitati

Le società di recupero crediti adottano spesso metodi che possono sembrare estremamente pressanti per chi già si trova in una situazione di sovraindebitamento. Queste tattiche possono variare dalla frequenza quasi assillante di chiamate telefoniche, che disturbano la tranquillità quotidiana del debitore, a lettere dal tono fortemente intimidatorio, fino ad arrivare a visite inaspettate che possono creare un ambiente di stress e ansia costanti. Questi metodi, purtroppo, non fanno distinzione tra chi sta deliberatamente evitando il pagamento e chi, semplicemente, si trova in una situazione finanziaria disperata e non è in grado pagare debiti contratti. La finalità delle agenzie di recupero crediti è chiara: indurre un senso di urgenza e disperazione che spinga al pagamento, indipendentemente dalla capacità effettiva del debitore di onorare i suoi impegni senza compromettere la propria sostenibilità economica di base. Questo approccio non solo aggrava lo stress emotivo dei sovraindebitati, ma rischia anche di spingerli ulteriormente in un ciclo di debito dal quale è difficile uscire.

L’importanza della tutela legale

In questo scenario, la tutela legale assume un ruolo di primo piano, offrendo ai debitori gli strumenti per difendersi da pratiche ingiuste e garantire il rispetto dei loro diritti. La legislazione offre protezioni specifiche per prevenire abusi nel processo di recupero crediti, assicurando che le azioni intraprese siano conformi alla legge.

Tuttavia, se una situazione di difficoltà temporanea è sfociata in uno stato di vero e proprio sovraidenbitamento in cui non c’è prospettiva alcuna di riuscire a rientrare della propria esposizione, non vi è che un’unica via non solo per abbattere il peso debitorio a una dimensione sostenibile ma anche per liberarsi di assilli quotidiani al limite dello stalking: rivolgersi a un avvocato specializzato e avviare una procedura per sovraindebitamento.

Contattaci per un colloquio